Diluire lo shampoo

In questo posto post:


  • cosa vuol dire diluire lo shampoo?
  • che benefici ottengo diluendo lo shampoo?
  • come capisco se devo diluire lo shampoo?
  • come si diluisce lo shampoo e in quali proporzioni?
  • come distribuisco lo shampoo sui capelli?



 Chiunque usi gli shampoo ecobio avrà letto da qualche parte, almeno una volta, che lo shampoo si diluisce. Ma è un passaggio veramente necessario? E a cosa serve? Personalmente ho iniziato a diluire lo shampoo sin dal primo tentativo di lavaggio eco bio e all'inizio è stato un disastro: capelli sporchi e appiccicosi, che ho dovuto rilavare il giorno dopo. Dopo qualche tentativo e dopo aver utlilizzato lo shampoo anche puro, mi sono resa conto che la diluizione è utile nella maggior parte dei casi, ma non va mai data per scontata perchè dipende e cambia in considerazione della condizione dei vostri capelli e cute, del prodotto che utilizzate e delle vostre specifiche preferenze.
Voglio specificare di non essere un'esperta e che parlo sulla base della MIA ESPERIENZA PERSONALE, la quale non è detto che funzioni anche per voi!

Cosa vuol dire diluire lo shampoo e che benefici ottengo?
Come è intuitivo,diluire lo shampoo  vuol dire mischiare una quantità di shampoo con una quantità di acqua, in modo che tutte le sostanze contenute nello shampoo, tensiottivi in primis (cioè le sostanze che lavano via lo sporco), si distribuiscano nell'acqua. Ciò si fa essenzialmente per tre tipi diversi di ragioni:
-perchè la consistenza dello shampoo è troppo densa e può risultare difficile distribuirlo uniformemente o massaggiarlo sulla cute
-perchè lo shampoo è troppo aggressivo per il nostro cuio capelluto o per i nostri capelli
 o il nostro cuio capelluto si irrita facilmente
-perchè lo shampoo è concentrato e quindi è sufficiente una piccola quantità per poter ottenere un buon risultato (uno shampoo concentraro è ad esempio quello all'arancio dolce della Saponaria) 
Anche in presenza di queste condizioni diluire lo shampoo non è obbligatorio e potreste trovarvi benissimo utilizzando uno shampoo concentrato senza diluirlo, per fare un esempio.  Al contrario i vostri capelli e soprattutto il vostro cuio capellutto potrebbero benificiare dalla diluizione o perchè riuscendo a distibuire meglio il prodotto, lavate meglio i capelli, o perchè un lavaggio meno sgrassante rispetta di più la vostra chioma, oppure, ma non meno importante, perchè diluendo un prodotto concentrato riuscite e fare più lavaggi e quindi a risparmiare soldi dato che lo shampoo vi durerà di più. 
Ancora, potreste trovare la diluizioni efficace per alcuni shampoo e inefficace per altri. 
I benefici sono dunque molto soggettiva e se esistono, si scoprono sperimentando.
Su alcuni flaconi degli shampoo è consigliata la diluizione. Nella maggior parte di questi casi, ciò sarà necessario, ma anche questo non è sempre vero ed una questione molto personale. Del resto, la maggioranza dei produttori non danno indicazioni esplicite o consigliano l'uso ordinario (quindi senza diluizione), ma il più delle volte, molte persone preferiscono diluire il prodotto.



Come capisco se devo diluire lo shampoo?
Personalmente se compro un nuovo shampoo e non so se diluirlo faccio attenzione alle seguenti cose: 
-innanzitutto leggo le recensioni sul web per capire come si regolano gli utenti che hanno già fatto delle prove e hanno i capelli del mio stesso tipo;
-guardo la consistenza dello shampoo per capire se è troppo denso o se riuscirò ad usarlo: questo è il passo fondamentale perchè se lo ritengo troppo denso, ossia se il prodotto non ha la consistenza di un fluido, ma quella di un gel bello "fermo", preferisco diluirla.
-se guardare la consistenza non mi aiuta, seguo le indicazioni del produttore e se queste non ci sono, parto con una piccola quantità di shampoo puro e se non mi riesce di distribuirlo e quindi non riesco a lavarmi bene o non riesco a massaggiarlo bene, applico per il resto della testa e dei capelli, il prodotto diluito.



Come si diluisce lo shampoo e in quali proporzioni?
Capire quante parti di shampoo e quante parti di acqua dovete utilizzare per duilire lo shampoo è la parte più difficile. Questo infatti dipende da voi e dal potere lavante dello shampoo. Una cosa è certa: non dovete fare una duilizione tale che il potere lavante del prodotto sia troppo dimuita o addirittuara vanificata: ciò avviese se esagerate con l'acqua e mettete una quantità troppo piccola di shampoo.
 Parlare di quantità valide in ogni è caso, è impossibile, ma dovendo proprio dare una bussola di orientamento direi che per la mia esperienza un cucchiaino da caffè di shampoo è generalmente la quantità MINIMA di shampoo da mettere in 100 ml di acqua (la capienza di poco meno di un bicchiere di plastica): raramente una quantità minore di prodotto potrà lavare bene, qualsiasi sia lo shampoo che state usando. Se brancolate nel buio e non avete idea, provate a partire da questa misura, magari un pomeriggio che dovete stare a casa e se i capelli non risultano pulitissimi dopo il lavaggio non vi importa molto. Fate un primo lavaggio seguendo i consigli dati nel post sul lavaggio (che pubblicherò a breve in questa sezione), cioè massaggiando bene con i polpastrelli.
Se i capelli risulteranno sporchi dovete aumentare la quantità di shampoo, (se aumentare di un cucchiaino o da metà dipenderà dalle vostra sensazioni), fermo restando la quantità di acqua. Se invece i capelli risultano troppo sgrassati (il che è un pò rarò per queste quantità, ma non si può mai dire) tendete ad aumentare la quantità di acqua o se sgrassa ancora troppo, lo shampoo. Interessante notare che un capello troppo sgrassato fa un generale quel piccolo rumore del dito passato sul piatto da cucina, appena lavato con lo sgrassatore. 
Per diluire versate primo lo shampoo in un contenitore con il quale vi troverete comodi per l'applicazione (per capire come sceglierlo, leggete più sotto), versate poi l'acqua tiepida e infine agitate o girate per far mischiare acqua e shampoo.
Nel giro di qualche lavaggio, provando e riprovando dovreste trovare la vostra diluizione ottimale o forse giungere alla conclusione, se proprio non ci riuscite che quello shampoo non va diluito o non è fatto per voi. 
Se siete ai primi shampii ecobio, però una cosa è importante: massaggiate sempre bene il cuoio capelluto perchè il vostro massaggio aiuterà la shampo a distribuirsi e ad agire. Senza questo massaggio, usatene pure a vagonate, ma non laverà niente di niente. Inoltre anche quando lo shampoo è diluito non aspettatevi la schiuma, che nei prodotti bio è una cosa rara (o si presenta scarsamente) dato il tipo di tensioattivi usati: occhio, perchè l'assenza o la scarsa presenza di schiuma non indica che il prodotto non lava, ma che non agressivo.



Come distribuisco lo shampoo sui capelli?
Lo shampoo una votla diluito non ha la consistenza fluida degli shampoo da supermercato, ma risulta liquido. Come si mette allora sui capelli? Esistono soluzioni infinite a questa domanda perchè sono affidate alla vostra creatività: sbizzarritevi! Generalmente, però, si ricorre ad alcuni oggetti che facilitano l'applicazione: 
-le più accessoriate si saranno munite di uno spargishampoo, un tubetto con un beccuccio simile ai dispenser per tinte da supermercato; ci diluite direttamente lo shampoo dentro e poi lo versate pocco alla volta sulle sezioni della testa, massaggiate e andate avanti. Se avete un fornitore per parrucchieri in zona, lo trovate per diversi prezzi, a partire da pochi centisimi fino al valore di 2-3 euro.
-se vi accontentate di poco, come me, potete utilizzare un vasetto di yogurt, un bicchiere di plastica, un vecchio di flacone di shampoo, quello che volete. Io personalmente utilizzo un vasetto di vetro, quello degli yogurt kyr (buonissimi XD) che "attacco alla testa" per evitare che lo shampoo diluito coli e si disperda e mi trovo benissimo!!!
-potete anche cercare su google idee su come farsi da sè uno spargishampoo, troverete delle proposte simpatiche



















Questo è tutto per adesso, ragazze!! Spero che il post vi sia d'aiuto e che non via abbia annoiato :) 

Alla prossima :)




Image and video hosting by TinyPic

Share: Share on Google+

18 commenti:

  1. Risposte
    1. Sono contenta che ti sia piaciuto :)

      Elimina
  2. Ciao, per la diluizione, va usata semplice acqua corrente di rubinetto o acqua demineralizzata?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao :) la normalissima acqua di rubinetto!

      Elimina
  3. Va diluito anche il balsamo ecobio?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No , il balsamo non va diluito :) però essendo molto concentrato o comunque denso di ingredienti tutti efficaci per il nutrimento del capello ne va applicata una quantità minore rispetto ai normali balsami non bio. Così si spiega anche il costo più elevato dei balsami bio , che , dato che se ne usa poco , durano di più e permettono di ammortizzare il prezzo nel tempo :)

      Elimina
  4. Due cucchiaini di shampoo in 200 ml d'acqua per due shampii va bn?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dipende da quanto è concentrato il tuo shampoo e dai tuoi capelli. Io all'inizio della mia avventura eco bio con uno shampoo concentrato, diluendo un cucchiaino in 200 ml mi trovavo bene. Ma avevo i capelli molti secchi e non necessitavo di un lavaggio eccessivamente sgrassante. Puoi provare con due cucchiaini e vedere come ti trovi. Ma massaggia la cute molto bene per far agire lo shampoo (più a lungo di qunato fai con i normali shampoo da supermercato) e se non t senti soddisfatta del risultato prova a fare una secondo passata con diminuendo l'acqua (es. da 200 a 150) o aumentando lo shampoo. :)
      Spero di esserti stata d'aiuto

      Elimina
  5. Ciao, io ho i capelli grassi e con forfora e uso uno shampoo da supermercato piuttosto denso (garnier ultradolce olio essenziale di lavanda e estratto di rosa), dovrei diluirlo? Se si andrebbe bene due cucchiaini di shampoo in un bicchiere di plastica pieno d'acqua? Grazie in anticipo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao :) dipende: trovi che il lavaggio con shampoo non diluito sia troppo aggressivo (senti il cuio capelluto che prude, oppure i capelli si seccano, etc)? Se si, ti consiglio di diluirlo. Se hai i capelli corti (tipo a spazzola) due cucchiani in un bicchiere forse sono anche parecchi. prova a partire con unb cucchiaino in mezzo bicchiere e nel caso non ti senti i capelli ben puliti a ripetere con un altro cucchiaino in un altro mezzo bicchiere. Cmq con la diluizione dovresti riuscire ad usare meno shampoo di quanto ne usi normalmente, quindi dipende anche da questo :)
      Io ti consiglo comunque di provare, tanto male che vada ripeti il lavaggio dopo un paio di giorni :)
      Fammi sapere se provi :)

      Elimina
  6. Per chi ha i capelli corti e secchi?

    RispondiElimina
  7. Per chi ha i capelli corti e secchi?

    RispondiElimina
  8. Per chi ha i capelli corti e secchi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non è facile dirlo senza aver visto i capelli, ma in generale diciamo che potresti usare mezzo dito di shampoo in poco più di mezzo bicchiere d'acqua e ripetere se necessario. Poi, come ho scritto nel post, dipende dallo shampoo e da come reagiscono i capelli e la cute e dalla tuia tecnica di lavaggio, dal tempo per cui non li hai lavati etc.

      Elimina
  9. Ciao. Posso usare lo shampoo diluito anche per lavare la tinta dopo la posa?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, si certo puoi, ma se usi tinte chimiche lo shampoo bio potrebbe essere un pò troppo blando.

      Elimina
  10. scusa la domanda: ma se volessi anche metterci le gocce di olio essenziale in questa soluzione diluita, quante me ne consigli , dal momento ke ho letto sarebbero 5 gocce per ogni 20ml di shampoo (ossia un cucchiaio abbondante).

    in teoria se uso solo 1-2 cucchiaini per 200ml di acqua, in teoria 3 gocce massimo . giusto?

    RispondiElimina
  11. lascio questo per la notifica.

    RispondiElimina

Per me questo blog è come una chiacchierata tra amiche, dì la tua, lasciami un commento, d'accordo , di disaccordo o per lasciare anche un semplice saluto.Tuttavia devo precisare che non accetto il sub4sub e mi iscrivo solo ai blog che mi piacciono. Guardo sempre i blog delle persone che mi commentano per il piacere di condividere qualcosa con loro, considererei invece molto degradante iscrivermi perchè loro si iscrivono o commentare per il semplice fatto che loro commentano. Per me questo blog è un posticino tutto mio per condividere le nostre passioni, non un lavoro o una fonte di guadagno.